Glossario


 
 
 
A  B  C  D  E  F  G  I  L  M  O  P  R  S  T  U  V  Z

A

Aborto: interruzione prematura della gravidanza, generalmente prima di 20 settimane di gestazione.

Adozione: procedimento legale che determina la creazione di un rapporto genitore-figlio fra individui che non sono imparentati geneticamente.

Adozione internazionale: adozione di un bambino proveniente da un altro paese.

Affidamento: programma di assistenza sociale governativo o regionale per bambini, nell’ambito del quale degli adulti si prendono temporaneamente cura di bambini che sono stati allontanati da ambienti poco sicuri o dove subiscono maltrattamenti o abusi.

Agenti alchilanti: una categoria di farmaci chemioterapici che spesso ha l’impatto più negativo sul sistema riproduttivo.

Amenorrea: assenza o cessazione delle mestruazioni in un periodo della vita in cui queste sono normalmente presenti.

Analisi del seme: l’esame al microscopio del seme per determinare il numero di spermatozoi (conteggio dello sperma), le loro forme (morfologia) e la loro capacità di muoversi (motilità).

Andrologo: medico specializzato nella fertilità maschile e nei disordini sessuali, per esempio sperma e produzione ormonale. Potrebbe anche essere uno scienziato che analizza lo sperma.

Azoospermia: assenza di sperma.

TORNA SU


 
 

B

Banca dello sperma: congelamento dello sperma per futuro utilizzo.

Biopsia: asportazione di tessuto dal corpo per l’analisi microscopica e la diagnosi.

Biopsia testicolare: procedura chirurgica per l’analisi microscopica del tessuto testicolare. Il tessuto viene rimosso attraverso una piccola incisione nello scroto per cercare di individuare le cause dell’infertilità e suggerire una terapia.

Blastocisti: l’ovulo fecondato dopo 5-6 giorni dalla divisione cellulare.

TORNA SU


 
 

C

Cervice: la parte inferiore dell’utero che sporge nella vagina e si dilata durante il parto per far passare il feto.

Clomid: (noto anche come clomiphene o serophene) nome del farmaco utilizzato per indurre l’ovulazione.

Clomiphene: (conosciuto anche come clomid o serophene) farmaco della fertilità che agisce inibendo l’azione dell’estrogeno sulla ghiandola pituitaria e inducendo la ghiandola ad emettere più FSH (ormone che stimola il follicolo); in questo modo si ottiene lo sviluppo di più follicoli.

Congelamento degli ovuli: congelamento degli ovuli prelevati dalle ovaie dopo stimolazione. Il prelievo degli ovuli viene fatto generalmente per via vaginale tramite l’utilizzo degli ultrasuoni (cioè sotto guida ecografica).

Congelamento di embrioni: procedimento per congelare gli embrioni.

Congelamento di tessuto ovarico: procedura chirurgica in cui una parte oppure un ovaio viene rimosso, diviso in piccole strisce e congelato per utilizzarlo in futuro per cercare di ristabilire le funzioni ormonali e/o tentare una gravidanza.

Congelamento lento: è una tecnica utilizzata per congelare ovuli ed embrioni. Vengono fatti diversi tentativi per controllare gli indici caldo/ freddo per ridurre il rischio che si formino cristalli di ghiaccio.

Conizzazione: intervento chirurgico per l’asportazione di un pezzo di tessuto a forma di cono dalla cervice e dal canale cervicale. Si può ricorrere alla conizzazione per diagnosticare malattie o curare la cervice. Viene anche definita: biopsia “a cono”.

Consenso informato: un documento legale nel quale viene descritta la terapia, i rischi, i benefici e le eventuali alternative. Deve essere firmato per accettazione dal paziente.

Consulenza genetica: dialogo tra medici specialisti e persone interessate a conoscere i rischi delle malattie genetiche. Il quadro medico della persona e della sua famiglia viene valutato ed in seguito si possono eseguire degli esami genetici.

Conta spermatica: un esame di base per stabilire la qualità dello sperma valutando la densità (concentrazione per unità di volume), il numero degli spermatozoi, la loro motilità e morfologia.

Criobanca: posto dove tessuti come lo sperma, gli ovociti e gli embrioni vengono conservati in uno stato di congelamento. Criopreservazione: procedimento per la conservazione di materiale biologico a temperature basse, spesso per lunghi periodi di tempo.

Criopreservazione dell’ovocita: vedi congelamento degli ovuli.

Crioprotettore: il fluido utilizzato per congelare ovuli, embrioni, sperma e tessuti. Il fluido contiene liquidi organici, chimici e zuccheri.

TORNA SU


 
 

D

Diagnosi genetica pre-impianto: una tecnica usata durante la fecondazione in vitro per vedere se gli embrioni sono affetti da disturbi genetici prima di trasferirli nell’utero. Questa tecnica permette agli individui affetti da gravi disturbi ereditari, di correre meno rischi di avere un figlio affetto dallo stesso disturbo.

Disfunzione ovarica: inabilità dell’ovaio di funzionare regolarmente in relazione alla produzione ormonale, generalmente dovuto all’assenza di follicoli che contengano ovuli (ovociti).

Disfunzione ovarica prematura (POF= Premature Ovarian Failure) : cessazione delle mestruazioni ed arrivo della menopausa prima dei 40 anni d’età.

Donazione di ovuli: procedimento secondo il quale una donna fertile dona i propri ovuli affinché un’altra donna possa ottenere una gravidanza.

TORNA SU


 
 

E

Ecografia transvaginale: una tecnica per esaminare la vagina, l’utero, le tuba, le ovaie e la vescica. Viene inserito uno strumento nella vagina e le onde sonore vengono fatte rimbalzare sugli organi dentro la zona pelvica. Queste onde sonore creano echi che il computer utilizza per creare un disegno chiamato sonogramma.

Eiaculare: emissione dalle vie genitali maschili di fluido che contiene lo sperma.

Elettro-eiaculazione: utilizzo di una sonda collocata nel retto per estrarre lo sperma dagli uomini affetti da disfunzioni erettili.

Embriologo: è uno scienziato che studia lo sviluppo e la crescita dell’embrione.

Embrione: organismo umano dal momento della fecondazione di un ovulo da parte di uno spermatozoo, fino all’ottava settimana. Dopo questo periodo, l’embrione viene chiamato feto.

Endocrinologo della riproduzione: è un ginecologo che ha ottenuto il riconoscimento medico in endocrinologia della riproduzione e dell’infertilità avendo seguito corsi di perfezionamento in merito alle cause, valutazione e cure dell’infertilità e ad altri disturbi del sistema riproduttivo femminile.

Estrazione di sperma dal testicolo (Testicular sperm extraction – TESE): la tecnica di estrazione dello sperma richiede che venga fatta una piccola incisione nello scroto per rimuovere un piccolo pezzo di tessuto testicolare o per recuperare sperma direttamente dai testicoli.

Estrogeno: ormone femminile che ha diverse funzioni. La produzione di quest’ormone aumenta durante la crescita del follicolo e raggiunge i livelli più alti quando l’ovulazione è in corso. La funzione principale dell’estrogeno è quella di creare un ambiente ideale per la fecondazione dell’ovulo ed il suo impianto nell’utero.

TORNA SU


 
 

F

Fattore d’infertilità maschile: quando la causa dell’infertilità in una coppia dipende dall’uomo.

Fertilità: la capacità, negli esseri umani, di riprodursi ed avere figli.

Chirurgia che preserva la fertilità (Fertility-sparing surgery): termine generale utilizzato per descrivere la chirurgia ginecologica per donne affette da cancro alle ovaie o alla cervice. Quando un ovaio è affetto da cancro, viene rimosso solo quell’ovaio e si preserva l’utero. Quando la cervice è affetta da cancro, si procede ad effettuare una conizzazione oppure una trachelectomia.

Fecondazione: la penetrazione dell’ovulo da parte dello sperma crea la fusione del materiale genetico paterno e materno dalla quale nasce l’embrione.

Fecondazione in vitro (In vitro fertilization – IVF): metodo di riproduzione assistita che riguarda la fecondazione di un ovulo con sperma in laboratorio. Si tratta di una fecondazione extra-corporea. Dopo che l’ovulo viene fecondato ed inizia la divisione delle cellule, l’embrione che si sviluppa viene trasferito nell’utero.

Follicolo: cisti piena di liquido nella quale si trova l’ovulo. Durante le mestruazioni, il follicolo è molto piccolo e poco prima dell’ovulazione cresce alla sua massima grandezza. L’ovulazione naturale avviene solo con un follicolo mentre, l’utilizzo di farmaci per la fertilità, induce lo sviluppo di molti follicoli. Con gli ultrasuoni (ecografia) si possono misurare i follicoli, ma non si può vedere l’ovulo.

TORNA SU


 
 

G

Gameti: cellule riproduttive maschili o femminili – lo spermatozoo o l’ovulo.

Ghiandola pituitaria: ghiandola situata alla base del cervello; secerne ormoni, regola e controlla altre ghiandole che secernono ormoni nonché molti altri processi corporei, incluse le ovaie, i testicoli, le ghiandole surrenali e la tiroide.

Ginecologo: medico specializzato nella cura dell’apparato riproduttivo femminile.

Ginecologo oncologo: medico specializzato nelle terapie per la cura del cancro degli organi riproduttivi femminili.

GnRH Agonisti: un farmaco analogo dell’ormone GnRH che inizialmente stimola la ghiandola pituitaria a rilasciare LH e FSH, per poi avere un effetto inibitore rallentato. Viene anche utilizzato per stimolare la crescita del follicolo quando si inizia un ciclo IVF.

GnRH Analoghi: ormoni sintetici, simili all’ormone naturale stimolante le gonadotropine, che viene utilizzato per evitare l’ovulazione prematura. Ci sono due tipi di analoghi del GnRH: GnRH agonisti e GnRH antagonisti.

GnRH Antagonisti: ormoni sintetici simili all’ormone di rilascio delle gonadotropine, usati per prevenire l’ovulazione anticipata. Questi farmaci hanno un effetto inibitorio immediato sulla ghiandola pituitaria.

Gonadotropina: uno dei tre ormoni prodotti dalla ghiandola pituitaria o dalla placenta: l’ormone luteinizzante (LH), l’ormone stimolante il follicolo (FSH) e la gonadotropina corionica (hCG).

Gonadotropin releasing hormone (GnRH) : è un ormone che il cervello secerne per avviare l’emissione di LH e FSH dalla ghiandola pituitaria e l’ovulazione.

Gonadotropina umana corionica – hCG: è un ormone che viene prodotto dalla placenta durante i primi mesi della gravidanza. Questo è l’ormone che viene testato per confermare se c’è una gravidanza. Viene utilizzato anche sotto forma di farmaco per scatenare l’ovulazione in modo artificiale.

Gravidanza : periodo che inizia con il concepimento, continua lungo il periodo in cui il feto cresce nel grembo di una donna, fino al momento in cui avviene il parto.

Gravidanza clinica: utilizzo degli ultrasuoni per identificare il battito cardiaco del feto e quindi una gravidanza. Precedentemente, si può fare un esame del sangue (BHCG plasmatica) oppure utilizzare i test su urine per verificare se esiste una gravidanza. Con questi esami si cerca la gonadotropina corionica, conosciuta anche come hCG. Se gli esami del sangue o delle urine sono positivi, allora la gravidanza viene definita una gravidanza clinica.

TORNA SU


 
 

I

Induzione dell’ovulazione: utilizzo di una terapia ormonale femminile per stimolare lo sviluppo del/i follicolo/i ed il rilascio dell’ovulo/i.

Impianto: procedimento attraverso il quale l’embrione si impianta nell’endometrio (tunica mucosa che riveste la cavità uterina).

Impotenza: inabilità del pene di avere un’erezione adeguata per il rapporto sessuale. Viene definita anche disfunzione erettile. L’impotenza non è legata alla presenza o assenza di sperma. L’impotenza non è equivalente all’infertilità e viceversa.

Iniezione intracitoplasmica di sperma (Intracytoplasmic sperm injection – ICSI): procedimento attraverso il quale uno spermatozoo viene iniettato in un ovulo per facilitare la fecondazione.

Infertilità: incapacità di ottenere una gravidanza dopo un anno di rapporti sessuali non-protetti oppure incapacità di portare a termine una gravidanza.

Infertilità secondaria: quando una donna non è in grado di ottenere una gravidanza o di portare una gravidanza a termine dopo aver avuto già un bambino.

Inibitori dell’aromatasi: medicinali che inibiscono la conversione di androgeni ad estrogeni attraverso l’enzima aromatasi, eliminando in tal modo i segnali emessi dagli estrogeni.

Inseminazione: l’inserimento di sperma in utero, cervice o vagina nel tentativo di ottenere una gravidanza.

Inseminazione artificiale: il seme viene raccolto, trattato in laboratorio e poi inserito direttamente nella cervice o nell’utero nel tentativo di ottenere una gravidanza.

Inseminazione intracervicale: lo sperma viene raccolto, processato in laboratorio e poi inserito nella cervice di una donna nel tentativo di ottenere una gravidanza.

Inseminazione intrauterina: lo sperma viene raccolto, processato in laboratorio e poi inserito direttamente nell’utero nel tentativo di ottenere una gravidanza.

Isterectomia: intervento chirurgico per rimuovere l’utero e generalmente anche la cervice uterina. Quando l’utero e la cervice vengono asportati, viene definita isterectomia totale. Quando viene asportato solo l’utero, viene definita isterectomia sub-totale o sopracervicale.

TORNA SU


 
 

L

Laparoscopia: una procedura che richiede l’inserimento di uno strumento con piccolo diametro, a forma di telescopio, chiamato laparoscopio, attraverso una piccola incisione nell’addome (in genere, negli interventi ginecologici, tale incisione è praticata nell’ombelico).

LEEP – Loop Electrocautery Excisional Procedure: procedura di elettrocauterizzazione escissionale mediante un loop. E’ simile alla conizzazione a lama fredda. Un pezzo della cervice viene asportato con uno strumento a forma di anello.

Letrozolo: un farmaco che appartiene al gruppo chiamato “degli inibitori non steroidei dell’aromatasi”. Tali farmaci vengono utilizzati per diminuire la produzione di estrogeni.

TORNA SU


 
 

M

Madre surrogata (Gestational carrier): una donna che porta avanti la gravidanza per un’altra donna. Questa donna non ha nessun legame genetico con il bambino che porta in grembo.

Maturazione in vitro (In Vitro Maturation – IVM): maturazione di ovuli in laboratorio.

Menopausa: fase della vita di una donna nella quale scompaiono le mestruazioni. Una donna è in menopausa quando le sue mestruazioni sono cessate da un anno. L’età media della menopausa è intorno ai 50 anni. La fine dell’età riproduttiva di una donna fa parte del processo normale d’invecchiamento.

Menopausa precoce o POF: vedi disfunzione ovarica prematura.

Mestruazione: fuoriuscita periodica di sangue misto a tessuto (mucosa endometriale) dall’utero. Fino a quando non entra in menopausa oppure non è in gravidanza, una donna con cicli regolari ha le mestruazioni ogni 28 giorni circa.

Morfologia: la struttura fisica degli organismi (forma), incluso lo sperma.

Motilità: la capacità dello sperma di muoversi e progredire verso il tratto riproduttivo per fertilizzare l’ovulo; la motilità dello sperma può essere accertata col microscopio.

TORNA SU


 
 

O

Oncofertilità: nuovo approccio inter-disciplinare per sviluppare e proporre nuove opzioni per preservare la fertilità di uomini e donne in età fertile e bambini ai quali è stato diagnosticato il cancro oppure altre malattie gravi, che devono sottoporsi a cure che mettono a rischio la loro fertilità.

Ovariectomia (Ooforectomia) mono o bilaterale: chirurgia per rimuovere una o entrambe le ovaie.

Ormone follicolo stimolante (Follicle stimulating hormone – FSH): quest’ormone viene prodotto dalla ghiandola pituitaria, localizzata nel cervello, per stimolare lo sviluppo dei follicoli nelle ovaie. Viene anche utilizzato per calcolare la riserva di ovuli nelle ovaie (riserva follicolare).

Ormone luteinizzante   (Luteinizing hormone): ormone prodotto dalla ghiandola pituitaria, localizzata nel cervello, che stimola la maturazione dell’ovulo nelle donne e dello sperma negli uomini.

Ovaio – Ovaia: l’organo riproduttivo femminile che produce ovuli ed ormoni.

Ovocita: vedi ovulo.

Ovulazione: rilascio di un ovulo maturo dal suo follicolo nell’ovaio.

Ovulo: ovocita – cellula germinale femminile non fecondata.

TORNA SU


 
 

P

Post-menopausa: si riferisce al periodo in cui le mestruazioni sono finite definitivamente.

Pre-menopausa: si riferisce al periodo che precede la menopausa, quando la mestruazioni sono ancora presenti, spesso caratterizzato da disordini nel ritmo e nella quantità dei flussi e da altre manifestazioni di squilibrio endocrino.

Pre-pubertà: preadolescenza; periodo che precede la pubertà.

Preservazione della Fertilità: questo termine viene utilizzato per descrivere le procedure per tutelare la fertilità di una persona che venga sottoposta a cure farmacologiche, fisiche (ad es. esposizione a radiazioni) o chirurgiche che potrebbero causarle l’infertilità. Queste procedure includono il congelamento degli ovuli e degli embrioni, la banca del seme, la trasposizione ovarica, il congelamento del tessuto ovarico o testicolare, la trachelectomia radicale o la chirurgia conservativa per il cancro ovarico.

Progesterone: ormone femminile prodotto dal corp lute dell’ovaio dopo l’ovulazione, cioè durante la seconda parte del ciclo mestruale (fase luteale). Quest’ormone prepara la mucosa uterina (l’endometrio) all’impianto dell’ovulo fecondato e poi crea le condizioni per lo sfaldamento dell’endometrio durante le mestruazioni.

Protezione dalle radiazioni (radioprotezione): disciplina applicata alla protezione dell’uomo e dell’ambiente dagli effetti dannosi delle radiazioni; utilizzo di metodi per bloccare o assorbire le radiazioni, in modo che i tessuti sotto gli schermi vengano protetti. La protezione dalle radiazioni può essere usata per proteggere il sistema riproduttivo.

TORNA SU


 
 

R

Recupero degli ovociti (recupero degli ovuli): tecnica di prelievo utilizzata in seguito a stimolazione ovarica.

Riserva ovarica: è un termine che viene utilizzato per indicare il numero di ovuli nelle ovaie. Con gli anni la riserva ovarica decresce fino alla menopausa quando non ci sono più ovuli.

Riserva ovarica ridotta: riduzione degli ovuli utilizzabili nelle ovaie.

TORNA SU


 
 

S

Seme: sinonimo di sperma, fluido che viene rilasciato attraverso il pene durante un orgasmo. Il seme è fatto da sperma dei testicoli e da fluido proveniente da prostata, vescicole seminali e ghiandole accessorie.

Sindrome da iperstimolazione ovarica: è una condizione medica grave che si verifica quando le ovaie sono state stimolate eccessivamente dai farmaci o hanno risposto eccessivamente ad essi, per la fecondazione. Le ovaie aumentano enormemente di volume e si accumulano liquidi in addome e a volte nei polmoni. I seguenti sintomi vanno comunicati immediatamente al medico: nausea, vomito, aumento di peso, dolore pelvico e difficoltà a respirare. Questa sindrome è rara e generalmente può essere evitata con un monitoraggio attento e strategie mediche appropriate.

Spermatozoo: cellula germinale maschile, anche chiamato gamete maschile.

Sterile: incapacità di ottenere una gravidanza, totale assenza di sperma nell’eiaculato o nei testicoli dell’uomo; totale assenza di ovuli nella donna.

Stimolazione ovarica: la somministrazione di farmaci per la fertilità allo scopo di far maturare numerosi ovuli nelle ovaie.

TORNA SU


 
 

T

Tamoxifene: farmaco che blocca gli effetti degli estrogeni su molti organi, come il seno. Il Tamoxifene può essere usato con farmaci standard per la fertilità per bloccare gli effetti degli estrogeni. In certe circostanze può essere utilizzato anche per indurre l’ovulazione.

Tecniche di Riproduzione Assistita (Assisted Reproductive Technologies ART): è un termine che include varie terapie tecnologicamente avanzate per la fecondazione degli ovuli da parte dello sperma. Ad esempio la fecondazione in vitro.

Testicolo: la gonade riproduttiva maschile, situata nello scroto, che produce testosterone e sperma.

Testosterone: un ormone che promuove lo sviluppo e la conservazione delle caratteristiche sessuali maschili.

Trachelectomia radicale: una procedura chirurgica usata per donne affette da cancro alla cervice uterina nella fase iniziale. La procedura richiede la rimozione di quasi tutta la cervice mentre l’utero viene conservato, offrendo la possibilità che in futuro la donna possa tentare di ottenere una gravidanza.

Trasferimento di embrioni: processo in base al quale gli embrioni, ottenuti con le tecniche di fecondazione assistita, vengono trasferiti nell’utero. Si può trasferire più di un embrione per volta, perciò l’indice di gravidanza per trasferimento è diverso dall’indice di gravidanza per singolo embrione o singolo ovulo.

Trasposizione ovarica: procedura chirurgica in cui un ovaio oppure entrambi vengono asportati dal bacino in modo che si trovino fuori dal campo di irradiazione pelvica.

Tube di Falloppio: due tube, ognuna collocata ad ogni lato dell’utero e collegate ad esso; rappresentano il luogo in cui lo sperma e l’ovulo s’incontrano durante un concepimento naturale.

TORNA SU


 
 

U

Ultrasuoni: procedura nella quale onde sonore ad alta energia (gli ultrasuoni) vengono fatte rimbalzare sugli organi producendo degli echi. Le sequenze degli echi vengono proiettate sullo schermo dell’apparecchio ultrasonografico , creando un disegno dei tessuti corporei chiamato sonogramma.

Urologo: medico specializzato nelle malattie del tratto urinario sia degli uomini che delle donne e negli organi riproduttivi degli uomini.

Utero: il piccolo organo muscolare cavo a forma di pera rovesciata, situato nel bacino della donna. Il feto cresce in questo organo. Viene anche chiamato ventre.

TORNA SU


 
 

V

Vagina: il canale che si estende dall’utero fino all’esterno del corpo. Viene anche chiamato canale della nascita.

Vitrificazione: è un metodo di congelamento dell’ovulo o dell’embrione, nel quale si realizza un raffreddamento veloce con un’alta concentrazione di crioprotettori per ridurre la formazione di cristalli di ghiaccio.

TORNA SU


 
 

Z

Zigote: l’ovulo fecondato prima che inizi la divisione delle cellule.

TORNA SU

Associazione Gemme Dormienti ONLUS